aumentare-interazioni-facebook

Quante volte capita di dover redigere un piano editoriale per un cliente avendo soltanto poche foto a disposizione?

In questi casi si può sfruttare la fantasia e ricorrere a dei post che, nella maggior parte dei casi, generano un forte coinvolgimento, favorendo l’empatia con i fan.

Negli ultimi tempi, infatti, Facebook, modificando l’algoritmo, ha sempre più penalizzato la reach organica delle pagine, soprattutto se i contenuti pubblicati non rappresentano, a suo parere, dei contenuti di valore per i fan.

In questo articolo ti parlerò di 3 tipologie di post che possono arricchire il tuo piano editoriale, aumentare l’interazione e quindi la Portata Organica, e degli strumenti utilizzati per realizzarli.

1. Gli aforismi

Per molti l’aforisma rappresenta una “frasetta” con scarso senso, pubblicata sulla Pagina.

Beh non è così, ma anzi è una frase che genera un’emozione in chi la legge ed è sempre un’ottima soluzione per attirare l’attenzione e la reazione dei fan.

Dopo aver pubblicato un aforisma, infatti, si può generare un dialogo tra i vari utenti e talvolta anche il brand può intervenire per rispondere a delle vere e proprie richieste, che favoriscono l’acquisto o la prenotazione di un dato servizio.

Gli aforismi e le frasi motivazionali, infatti, generano nell’utente una forte coinvolgimento, soprattutto se le citazioni sono accompagnate a delle belle immagini e i testi risultano brevi e ben leggibili.

Ovviamente il tema dell’aforisma scelto (es. viaggi, benessere, successo…) deve essere in linea con i contenuti trattati dal brand, i suoi valori e mood.

Ecco alcuni trucchi da tenere a mente per creare dei post aforismi di successo:

  • metti una didascalia che anticipi l’aforisma e che ponga una domanda al fan, in modo da sentirsi chiamato in causa;
  • scegli una bella immagine su cui scrivere la citazione. Il consiglio è quello di sceglierne una con sfondo il più possibile omogeneo, per favorire la scrittura e la comprensibilità. Puoi trovare delle belle foto su Pixabay, sito gratuito che comprende immagini sotto Creative Commons, oppure su Fotolia, che però è a pagamento.
  • Ti ricordo che l’immagine deve avere il formato quadrato (1000×1000 px)
  • Scegli aforismi brevi, che non riempiano tutta l’immagine con la scritta. Puoi reperire delle buone citazioni su Aforisticamente oppure su Citazioni e Frasi celebri.
  • Utilizza il font tipico del brand, non un altro, perché tutto deve essere omologato all’immagine del marchio per cui si sta pubblicando;
  • inserisci sempre il logo del brand all’interno dell’immagine.

Una volta reperita immagine, font, logo e frase, puoi assemblare tutto sui classici programmi di grafica, come Photoshop o Illustrator, oppure, se non hai molta dimestichezza con questi strumenti, puoi utilizzare Canva, un tool che ti mette a disposizione tantissimi font e layout da utilizzare per rendere i tuoi visual carini e al tempo stesso facilmente realizzabili.

2. Consigli utili/curiosità

Un’altra rubrica interessante che coinvolge molto i fan della Pagina è quella relativa ai consigli, brevi pillole che possono dare delle informazioni o delle curiosità in relazione al brand.

Questo genere di post, così come quello degli aforismi, non mira a “vendere” ma a far sentire il fan “coccolato”, poiché il brand ci tiene a informarlo e a divertirlo.

In questo caso si può ricorrere all’utilizzo dello slideshow, del video oppure di una semplice immagine quadrata, con un layout pensato ad hoc, che riporti le informazioni da dare o le curiosità di cui si vuole informare l’utente.

Un brand legato ad un particolare territorio, potrà dare delle brevi pillole informative per far conoscere meglio quella determinata zona, oppure può decidere di informare l’utente delle curiosità/leggende che lo circondano.

Un brand che invece promuove degli oggetti, può dare delle veloci informazioni sull’utilità di quel dato oggetto nella vita di tutti i giorni. Un’oculista, per esempio, può far conoscere più nel dettaglio le varie patologie legate alla vista, come una sorta di veloce enciclopedia.

Un marchio che promuove oggetti sportivi, può sottolineare quali siano i benefici di una determinata attività. Se vendi scarpe da ginnastica e da corsa, puoi sottolineare come si diventa un vero runner e i benefici di questa pratica sportiva.

Ti riporto alcuni suggerimenti per rendere le Pillole più catchy e qualche consigli sui tool da utilizzare:

  • cerca siti ed informazioni che siano veritieri, meglio un controllo in più che divulgare informazioni false. Per un’ulteriore verifica e l’approvazione finale, chiedi sempre al cliente.
  • Se decidi di utilizzare il formato slideshow di Facebook, imposta il formato quadrato e inserisci la transizione “sfumatura”, perché così potrai rendere più dinamici e meno netti i tuoi consigli.
  • Crea un layout ad hoc, che sia di un colore neutro, in modo che le scritte siano ben leggibili. Se stai promuovendo un luogo, puoi anche inserire brevi didascalie su foto.
  • In alternativa puoi utilizzare degli strumenti per la creazione di video come Animoto (a pagamento) o Lumen 5. Anche in questo caso, come per lo slideshow, cerca di fare dei video che non superino il minuto, altrimenti l’attenzione del fan potrebbe perdersi.
  • Un altro programma divertente da utilizzare per creare brevi “Pillole” è Giphy, che ti permette di creare delle vere e proprie GIF, molto amate su Facebook, impostando tu stesso la velocità dei vari frame.
  • Utilizza font e colori del brand per richiamarlo sempre. Nell’ultimo frame del video, puoi inserire il logo con un riferimento all’azione, del tipo “Continua a seguirci”.
  • Anche in questo caso non esagerare con le scritte, altrimenti l’utente potrebbe non riuscire a seguire il tuo “racconto”.
  • Se decidi di utilizzare un’immagine singola (anche in questo caso puoi creare un layout che si confaccia al tuo brand) ricordati il formato quadrato 1000×1000 px, in quanto favorisce la leggibilità su tutti i supporti smartphone, tablet e pc.

3. Sondaggi

Con la speranza che un giorno diventino sponsorizzabili, i sondaggi sono uno strumento veramente utile non solo per testare l’apprezzamento di un determinato luogo/servizio/oggetto tra i fan della Pagina, ma anche un modo per rendere questo spazio interattivo, chiamando direttamente i fan a svolgere un’azione.

La prima cosa da fare è quella di avere chiaro in mente il concetto su cui vogliamo interrogare la nostra fan base ed avere due immagini rappresentative, anche non in alta definizione, in quanto, anche in questo caso è necessario il formato quadrato, ma è sufficiente che sia 800×800 px.

Sul sondaggio puoi inserire anche delle GIF che ti fornisce in dotazione Facebook, oppure puoi incollare il link di una GIF creata da te:

Inoltre puoi impostare il tempo, in cui vuoi che il sondaggio resti attivo, dal menu a tendina, indicato dalla freccia.

Adesso ti riporto qualche consiglio per rendere più attraente il tuo sondaggio:

  • Fai una domanda breve, del tipo “Cosa preferisci tra…? Per noi è importante conoscere la tua opinione”.
  • Il titolo di ogni immagine o GIF non deve superare i 25 caratteri, quindi mi raccomando non dilungarti in questi spazi.
  • Se opti per l’utilizzo di una foto, inserisci sempre il logo, in modo che sia riconducibile comunque il tuo brand.

A questo punto il tuo sondaggio è creato!

Ecco i tre esempi di post che possono adattarsi a quasi tutti i piani editoriali, ovviamente mutatis mutandis, a seconda del brand.

Se hai poco materiale perché hai poche foto o il cliente non te le fornisce o hai bisogno di risvegliare l’interesse dei tuoi fan, puoi ricorrere a queste tre tipologie di post per rendere sempre accattivante la tua Pagina.

Spero che questo post ti sarà utile nella redazione dei prossimi piani editoriali!